L’adozione di criteri di priorità nella distribuzione temporale degli investimenti discende dall’evidente circostanza che l’ammontare complessivo degli investimenti deve essere affrontato in una logica di programmazione che abbraccia un periodo di tempo molto lungo e che permetta anche la sostenibilità tariffaria.

Di conseguenza, l’articolazione del Programma degli Interventi e le scelte di priorità conseguenti devono rispondere a criteri precisi stabiliti dalle normative vigenti (Direttiva Europea n. 91/271/CEE, D.Lgs. 31/2001, D.Lgs. 152/2006, DGR 2537/2019…), dalle disposizioni di ARERA (Delibera n. 917/2017/R/Idr - Regolazione Qualità Tecnica -, …) e dagli strumenti pianificatori sovraordinati (Piano di Gestione del bacino del Fiume Po, Piano di Tutela delle Acque, …).

Di seguito si riportano il Programma degli Interventi (PdI) e il Piano Operativo Strategico (POS) attualmente vigenti in capo al Gestore d’Ambito (Como Acqua srl) e al Gestore Salvaguardato (Lereti spa):

Como Acqua srl PdI 2020-2023;

Lereti spa PdI 2020-2023.

torna all'inizio del contenuto